Nutrizione

Le virtù nascoste del krill

Questi piccoli crostacei rappresentano una fonte preziosa di omega-3

Con il termine krill si indicano diverse specie di creature marine invertebrate che vivono in tutti gli oceani del mondo, con particolare concentrazione nelle acque fredde e polari dove danno luogo ad una delle più grandi biomasse mai esistite. Si stima che la quantità di krill attualmente disponibile sia di 6.000 milioni di tonnellate. Questi piccoli crostacei sono importanti organismi che compongono lo zooplancton, cibo primario di balene (il nome krill in norvegese significa, appunto, “cibo di balena”), mante, squali balena, pesce azzurro e uccelli acquatici. Vivendo soprattutto nei fondali degli oceani e occupando il gradino più basso della catena alimentare il krill non accumula inquinanti. Da questo piccolo “gamberetto” si estrae l'olio di Krill, molto ricco di omega-3, preziosi alleati della nostra salute.

Le proprietà dell’olio di krill
L'olio di krill è ricco di sostanze nutrienti di grande importanza per la nostra salute quali acidi grassi, fosfolipidi ed antiossidanti. Gli omega-3 dell’olio di krill sono soprattutto legati ai fosfolipidi, principalmente alla fosfatidilcolina. Il vantaggio di questo tipo di omega-3, rispetto a quelli tradizionali, è che vengono assorbiti molto più facilmente attraverso l'intestino, permettendo alla fosfatidilcolina di essere inglobata nelle membrane cellulari e di partecipare attivamente al trasporto degli acidi grassi nel sangue e attraverso le membrane stesse. L’olio di krill è anche una fonte di vitamine antiossidanti, in particolare la vitamina A e la vitamina E, ma anche cantaxantina e la cosiddetta astaxantina, che è un antiossidante che agisce in perfetta combinazione con gli omega-3. L'olio di Krill ha proprietà simili agli omega-3 ottenuti nell'olio di pesce contribuendo a ridurre i valori di trigliceridi e colesterolo LDL nel sangue. Grazie alla sua azione a livello delle membrane cellulari l’olio di krill agisce anche come antinfiammatorio naturale, promuovendo così il benessere del sistema cardiocircolatorio. Questo olio, inoltre, sembra influenzare favorevolmente il bilancio energetico, il comportamento alimentare ed il metabolismo degli zuccheri contribuendo, quindi, alla riduzione del senso di fame ed ostacolando così l'aumento del peso corporeo. L'olio di Krill, inoltre, sembrerebbe influenzare favorevolmente anche le funzioni cerebrali quali l’attenzione ed il rendimento intellettivo.

Protezione senza…retrogusto
L'olio di krill si dissolve facilmente in acqua e, quindi, anche nel succo gastrico. Questa peculiarità da un lato facilita l’assorbimento dei suoi principi nutrizionali e dall’altro evita poco piacevoli ritorni di gusto tipici degli omega-3 legati ai trigliceridi che tendono a “galleggiare” a lungo sopra il succo gastrico. L’olio di krill offre una combinazione ottimale di acidi grassi omega-3 DHA (acido docosaesaenoico) ed EPA (acido eicosapentaeonico), acidi grassi essenziali utili per migliorare la nostra salute cardiovascolare.