Curiosità

Cari ragazzi, si torna a scuola: ricordatevi di… dormire bene!

Durante l’estate puntualmente si verifica un vero e proprio stravolgimento degli orari che scandiscono i ritmi della nostra vita durante il resto dell’anno. Anche i genitori più attenti finiscono spesso per cedere alle pressioni dei figli che chiedono, e quasi sempre ottengono, una deroga estiva all’orario per andare a dormire. Con la fine dell’estate gradualmente devono essere ripristinati gli orari corretti perché per superare il difficile ritorno a scuola e garantire un buon rendimento durante l’anno è fondamentale dormire bene. La privazione del sonno, infatti, incide negativamente sulla memoria e sull’attenzione determinando inevitabili ripercussioni sul rendimento scolastico. Tornando a scuola è bene iniziare da subito ad alimentarsi bene e a svolgere attività fisica mentre sono da sconsigliare caldamente nelle ore serali, televisione e videogiochi, spesso causa di ansia ed agitazioni capaci di influenzare notevolmente il ritmo sonno veglia. Ovviamente, dormire bene non vuol dire dormire molto ma riposarsi quanto serve: un bambino tra i tre e i cinque anni dovrebbe dormire almeno dalle 11 alle 13 ore, per poi arrivare a 9-10 ore dai 6 ai 10 anni e almeno 8-9 ore dagli 11 ai 13 anni. Quando si dice: “Dormire bene per sentirsi meglio!”